Architetti di strada
Condividi:
Home page | I nostri progetti | Pagina corrente: Dignità dell'abitare al Dormitorio Zaccarelli

Dormitorio Zaccarelli

Emergenza abitativa

In collaborazione con: La Piccola Carovana Tipo di intervento: riqualificazione abitativa
Stato dei lavori: consultazione Con il sostegno di: 

Il progetto
Studiando il territorio di Bologna ci siamo accorti che esiste un problema poco visibile ma in continua espansione: le persone senza fissa dimora aumentano in numero e cambiano in tipologia. Abbiamo iniziato una collaborazione con la cooperativa sociale La Piccola Carovana che da anni si occupa di questi temi e gestisce, tra le altre cose, il dormitorio Zaccarelli in Via Lazzaretto. Questa struttura ospita circa 60 persone ogni giorno dalle 19:00 alle 8:00 del mattino successivo, tipicamente per 6/12 mesi. Dato che la struttura necessita di opere di manutenzione ordinaria, l’intento dell’Associazione è quello di rendere lo spazio confortevole contemporaneamente sia dal punto di vista ambientale che umano. Dare dignità all’abitare.


Il metodo
Attualmente il dormitorio è un posto che ti ospita per la notte, in cui ogni sera trovi il tuo letto, un bagno e una stanza comune. È un luogo che gli utenti non sentono come proprio, e spesso per questo non lo rispettano. Il processo progettuale parte da una fase di ascolto e confronto tra i vari protagonisti del progetto: attraverso incontri di gruppi piccoli o allargati si capiscono le criticità, le esigenze dei singoli e del gruppo e si cercano insieme delle soluzioni concrete. Abbiamo aperto un dialogo con alcuni operatori sia del dormitorio Zaccarelli che del Centro Cabrini, lì vicino, per cercare di capire come muoverci e come coinvolgere i vari soggetti protagonisti.
Casa dellOpportunità e sfide
L’obiettivo concreto è rendere accogliente sia lo spazio interno che quello esterno, grazie a piccoli interventi con l’uso del colore, l’inserimento di immagini o la definizione di spazi privati (come armadietti chiusi). All’esterno invece si può pensare a creare un orto da far gestire agli utenti stessi riuscendo così a risolvere contemporaneamente il problema che hanno molto tempo a loro disposizione e dare decoro agli spazi esterni. Inoltre le parti asfaltate potrebbero essere semplicemente colorate e utilizzate per feste di quartiere o attività che possano coinvolgere sia gli utenti che i non utenti. L’opportunità è far partecipare le persone coinvolte nel processo, ad esempio grazie alla nascita dell’orto; la sfida è far capire alle persone che sono proprio loro la miglio miglior risorsa per se stessi e per la comunità in generale.
Architetti di strada - Sede Legale: Piazza Giovanni XXIII 12/B, 40133 Bologna (Italy) - Sede Operativa: Via Casaglia 16, 40135 Bologna (Italy) - tel. +39 051 4124176 - architettidistrada@gmail.com - Informativa Cookie